altL’Associazione Centro Culturale LE RADICI di Sulbiate con la partecipazione del “Centro Culturale” di Carnate, “Benedetto XVI” di Cornate d’Adda, “Lumen Gentium” di Pozzo d’Adda, “Dimensione Cultura – pensare per agire” di Ronco Briantino, sotto il patrocinio del Comune di Sulbiate propone, per il giorno 20 febbraio 2015, alle ore 21,00 presso l’auditorium delle scuole di Sulbiate in via Donatori, un incontro con il prof. Giovanni Fighera, insegnante, scrittore e giornalista sul tema

“Perché è bello Studiare – Quando la Scuola è un’avventura sempre nuova”.

La serata, partendo dall’ultimo libro del relatore dal titolo “Tra i banchi di scuola – un’avventura sempre nuova” (Edizioni Ares), porterà a riflettere sul ruolo che insegnanti e genitori devono assumere per far scoprire ai ragazzi la “dimensione della scoperta e della domanda” e per realizzare una scuola che non sia solo luogo di “trasferimento di informazioni e di nozioni”, ma “luogo privilegiato in cui porre con forza la questione educativa”. 

CAPITOLO XXVII

INNOVAZIONE E TRADIZIONE, MA IL CUORE DELL’INSEGNANTE È LO STESSO

Oggi è l’epoca della moda o, forse, è meglio dire delle mode. Anche la pedagogia ne è stata invasa. Sembra che ogni due lustri debba mutare il metodo di insegnamento ovvero la strada che l’insegnante utilizza perché l’alunno possa essere catturato dalla disciplina e possa apprendere. Siamo davvero convinti che la pedagogia muti con il mutare delle circostanze storiche con tempi così rapidi? Attenzione, non intendo certo negare l’utilità di strumenti informatici, di new media o di tutti quegli strumenti che la tecnica offre, in sempre maggiore abbondanza. Sto parlando della sostanza della pedagogia, del rapporto tra insegnante e alunno, dei fondamenti che permettono l’apprendimento e la crescita. Siamo davvero convinti che mutino nel tempo? L’uomo cambia nella sua dinamica di apprendimento?