Il lastricato che circonda l’edificio è volutamente neutro per non distrarre il fedele lungo il percorso che lo conduce allo spazio sacro. La facciata è una grande vetrata, protetta semplicemente da una pensilina. Al suo fianco si staglia la torre campanaria lungo la quale si sovrappongono, in ordine di grandezza decrescente, cinque campane artigianali, nel cui bronzo sono incisi riferimenti alla storia della chiesa locale e i nomi dei titolari di ciascuna: la Vergine Maria, i patroni di Roma, SS. Pietro e Paolo, San Carlo Borromeo, in onore di Karol Wojtyla, S. Cirillo Alessandrino e S. Tommaso d’Aquino per ricordare le parrocchie cui in origine apparteneva il territorio dell’attuale chiesa, S. Francesco Saverio e S. Teresa di Gesù Bambino, patroni delle missioni.

La luce, dall’evidente valenza simbolica, entra in maniera indiretta nell’unica navata attraverso le numerose vetrate, collaborando ad accentuare la spiritualità dell’ambiente le cui linee essenziali sono ulteriormente evidenziate dal colore bianco, ovvero la somma di tutti i colori e cifra stilistica dell’architetto statunitense, che anche all’interno risulta essere la tonalità dominante. Le panche, in legno di faggio, sono state anch’esse disegnate da Meier che ha voluto ripetervi l’alternarsi delle curve e delle rette delle vele. I paramenti sacri e liturgici, utilizzati nelle celebrazioni solenni, sono firmati da Bulgari. Anche l’altare, in travertino, richiama l’idea dell’imbarcazione, data la forma di tronco di cono rovesciato a base ellittica.

Nonostante l’estrema modernità, sono tante le geometrie riprese dalla tradizionale interpretazione simbolica. Il cerchio e il quadrato sono gli elementi intorno a cui si organizza l’intero edificio: “Il cerchio vuole simboleggiare la perfezione, la cupola del firmamento, il quadrato rappresenta la terra, i quattro elementi e l’intelletto raziocinante.”

Dio, dunque, che è ricco in Misericordia, come ci ricorda San Paolo nella lettera agli Efesini, si fa carne anche qui, in un affollato quartiere della periferia meridionale della città metropolitana di Roma. (La Nuova Bussola quotidiana del 3-12-2016)