Risultati immagini per chiesa della misericordia roma tor tre testeFu papa Giovanni Paolo II, già autore dell’enciclica Dives in Misericordia in cui la parabola del Figliol Prodigo era spunto per parlare del perdono di Dio e del Suo infinito amore, il committente dell’omonima chiesa che sorge in uno dei quartieri più popolosi di Roma, Tor Tre Teste. Il grande tempio di periferia avrebbe dovuto accogliere i pellegrini del Giubileo del 2000 e tradurre in architettura non solo le parole della Lettera Apostolica ma l’intero messaggio ecumenico di quell’Anno Santo. 

In seguito ad un concorso internazionale indetto nel 1995 dal Vicariato di Roma, l’ambizioso progetto fu affidato a un architetto di fama mondiale, l’americano Richard Meier, con la motivazione dell’originalità della sua proposta in merito all’utilizzo della luce e all’interpretazione dello spazio come “elemento di coinvolgimento umano”. Meier pose la prima pietra nel 1998 ma, per la complessità ingegneristica dei lavori, concluse la sua opera solo nel 2003, a Giubileo ormai trascorso e comunque in occasione del 25? anno di pontificato di San Giovanni Paolo II.

Il complesso chiesastico, che comprende anche un grande centro parrocchiale, si caratterizza per i tre bianchi grandi gusci di conchiglia, in calcestruzzo, autoportanti e tra loro congiunti da ampie campiture di vetro e acciaio, che proteggono lo spazio sacro.  Il loro numero rimanda alla Trinità e la loro forma, simile a quella di vele gonfiate dal vento, alla barca della Chiesa che trasporta il suo popolo nelle impervie acque del mondo e, soprattutto, lo traghetta verso il nuovo millennio.