Risultati immagini per abbazia di santo spirito caltanissettaUna fortificazione araba sorgeva, almeno dal 900 d.C., sul luogo in cui i Normanni eressero l’abbazia di Santo Spirito, la chiesa più antica di Caltanissetta. Probabilmente quest’ultima era stata già preceduta da un luogo di culto bizantino, ma il passato militare dell’edificio è ancora riscontrabile in alcuni dettagli architettonici, quali le possenti mura, le feritoie da cui si scagliavano le frecce e la torre quadrangolare. 

Il conte Ruggero e sua moglie Adelasia furono i patrocinatori della nuova costruzione di cui, però, s’ignora la data esatta di fondazione mentre è certo che la sua consacrazione avvenne nel 1153, come riportato dall’iscrizione sul pilastro sinistro dell’abside maggiore. Nel 1178 il complesso fu affidato ai Canonici Regolari Agostiniani, cui successero i padri cappuccini qui chiamati nel corso del XVIII secolo.  

La struttura dell’edificio è molto semplice: un parallelepipedo di pietra nuda, sormontato da un tetto a capanna, che si conclude in tre absidi di forma semi cilindrica. Gli corrisponde, all’interno, un ambiente a navata unica cui si accede tramite un portale sormontato da una lunetta affrescata con l’immagine di Cristo benedicente. Un altro Salvator Mundi campeggia nella calotta dell’abside centrale: Egli tiene nella mano sinistra un libro aperto su cui si legge, da un lato l’iscrizione “Ego sum lux mundi” e, dall’altro, “Qui sequitur me non ambulat in tenebris”.