La Laura del Petrarca simboleggia questo inseguimento inane dell’amore e, nel contempo, della gloria, che ha allontanato il poeta dalla vera felicità e dal sentiero verso la salvezza. Ora, a distanza di anni, rivolgendosi a chi ha sperimentato l’amore e, quindi, ne conosce le sofferenze, spera di «trovar pietà, nonché perdono». I segni palesi all’esterno del suo amore per Laura hanno causato al poeta vergogna, perché molti sono venuti a conoscenza del suo stato d’animo e della sua inquietudine. Sentiamo come Petrarca sottolinea la propria solitudine, l’inclinazione all’autoauscultazione e al solipsismo attraverso il suono, nel gioco allitterante della –M- e con l’efficacissimo poliptoto («di me», «meco», «mi»). Il verso recita così: «di me medesmo meco mi vergogno»). Ma proprio mentre il poeta ribadisce esplicitamente la propria solitudine, presentando sé stesso separato dal popolo, al contempo si dichiara appartenente ad una comunità più ampia, più universale, quella degli amici letterati di ogni epoca. 

Petrarca si sente in comunione con gli uomini di lettere o, più precisamente, con i grandi classici che hanno lasciato il segno nella storia dell’umanità e che lui sente più attuali degli stessi uomini contemporanei. Come riesce Petrarca a trasmettere questa appartenenza? Quando scrive la prima terzina «Ma ben veggio or sì come al popol tutto/ favola fui gran tempo, onde sovente/ di me medesmo meco mi vergogno» il poeta sta alludendo ai versi di Orazio, appartenenti agli Epodi: «nam pudet tanti/ mali, fabula quanta fui, conviviorum et/ paenitet» («Ero, ahimè, la favola dell’Urbe, un mare di vergogna, e di quei conviti mi pento»). Se il Petrarca è solo tra i contemporanei, c’è qualcuno nell’antichità che ha condiviso i suoi stessi sentimenti e ha sperimentato la stessa vergogna. Nelle opere del Petrarca abbondante e fitta è sempre la presenza di allusioni ai poeti latini, già riscontrata nelle lettere e nel Secretum.

L’ultima terzina attesta il riconoscimento del Petrarca che tutto è vanitas vanitatum, vanità delle vanità. Tutto è transeunte ed effimero, nulla lascia di sé segno, l’impronta del tempo passato è impresso per poco tempo sulla Terra, il vento dissolve rapidamente le vestigia lasciate. Così, i versi finali sembrano esprimere il cambiamento del Petrarca, pentitosi del tempo trascorso vaneggiando. Leggiamo allora il sonetto proemiale nella sua interezza: «Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono/ di quei sospiri ond’io nudriva ’l core/ in sul mio primo giovenile errore/ quand’era in parte altr’uom da quel ch’i’ sono,// del vario stile in ch’io piango et ragiono/ fra le vane speranze e ’l van dolore,/ ove sia chi per prova intenda amore,/ spero trovar pietà, nonché perdono.// Ma ben veggio or sì come al popol tutto/ favola fui gran tempo, onde sovente/ di me medesmo meco mi vergogno;/ et del mio vaneggiar vergogna è ’l frutto,/ e ’l pentersi, e ’l conoscer chiaramente/ che quanto piace al mondo è breve sogno». (La Nuova Bussola quotidiana del 13-3-2016)