COSA VOLETE?

L’altra categoria di giovani da superare è quella dei “pensionati”, ossia «giovani che hanno “gettato la spugna” prima di iniziare la partita. Che si sono “arresi” senza aver cominciato a giocare». Vecchi prima del tempo. Chi sono? Quelli che «lasciano la vita alla ricerca della “vertigine”, o di quella sensazione di sentirsi vivi per vie oscure che poi finiscono per “pagare”… e pagare caro». Quelli che «perdono gli anni belli della loro vita e le loro energie correndo dietro a venditori di false illusioni – ce ne sono! – (nella mia terra natale diremmo “venditori di fumo”) che vi rubano il meglio di voi stessi». E Francesco ha chiesto ai giovani da che parte vogliono stare: «Cosa volete: vertigine alienante o forza di pienezza? Cosa volete?»

LA RISPOSTA E’ GESU’ CRISTO

«Per essere pieni, per avere una vita rinnovata, c’è una risposta, c’è una risposta che non si vende, c’è una risposta che non si compra, una risposta che non è una cosa, che non è un oggetto, è una persona, si chiama Gesù Cristo».  Lui è un dono, ha rimarcato papa Francesco, e ci inviata sempre a rialzarci.

Un proverbio degli alpini citato dal pontefice è molto chiaro al proposito: «“nell’arte di salire, quello che importa non è non cadere, ma non rimanere caduto”. Se tu sei debole, se tu cadi, guarda un po’ in alto e c’è  la mano tesa di Gesù che ti dice: “Alzati, vieni con me”. “E se lo faccio un’altra volta?” Anche. “E se lo faccio un’altra volta?” Anche».  Settanta volte sette.

AFFIDARSI A LUI E LANCIARSI NELL’AVVENTURA DELLA MISERICORDIA

Come Marta e Maria di Betania i giovani sono invitati ad accogliere il Signore. «In questi giorni della GMG, Gesù vuole entrare nella nostra casa: nella tua casa, nella mia casa, nel cuore di ognuno di noi; Gesù vedrà le nostre preoccupazioni, il nostro andare di corsa, come ha fatto con Marta… e aspetterà che lo ascoltiamo come Maria: che, in mezzo a tutte le faccende, abbiamo il coraggio di affidarci a Lui».  Perché «chi accoglie Gesù impara ad amare come Gesù».

«Signore, ha concluso il Papa rivolgendosi ai giovani, lanciaci nell’avventura della misericordia! Lanciaci nell’avventura di costruire ponti e abbattere muri (siano recinti o reti); lanciaci nell’avventura di soccorrere il povero, chi si sente solo e abbandonato, chi non trova più un senso per la sua vita. Lanciaci ad accompagnare coloro che non ti conoscono e dire loro lentamente e con tanto rispetto il tuo Nome, il perché della mia fede. Spingici, come Maria di Betania, all’ascolto di coloro che non comprendiamo, di quelli che vengono da altre culture, altri popoli, anche di quelli che temiamo perché crediamo che possono farci del male. Fa’ che volgiamo il nostro sguardo, come Maria di Nazareth con Elisabetta, che volgiamo i nostri sguardi ai nostri anziani, ai nostri nonni, per imparare dalla loro saggezza». (La Nuova Bussola quotidiana del 29-7-2016)