PARADISO

In viaggio con Dante verso le stelle

Il Paradiso è una cantica bellissima che conduce Dante
nel luogo in cui il desiderio di felicità e di salvezza di ogni
uomo si compie, i drammi e i problemi appaiono nella
luce definitiva di Dio, che è amore e verità insieme.

GIOVANNI FIGHERA

Insegnante di italiano e latino nei Licei, giornalista, scrittore, conduttore radiofonico e blogger, Giovanni Fighera collabora con il dipartimento di Filologia moderna dell’Università degli Studi di Milano e con alcune testate giornalistiche e radio. Oltre a La ragione del cuore ha un altro blog personale: Il sugo della storia (su Tempi.it). Su Radio Maria conduce la trasmissione In viaggio con Dante verso le stelle. Su Radio 5.9 conduce trasmissioni di sua ideazione con cadenza settimanale.
Leggi tutto…

ULTIMI LIBRI

Fatti ispirare dagli ultimi libri usciti!

Principato – La divina Commedia

SCHEDA DEL LIBRO Perché leggere la Commedia, a più di settecento anni dalla sua composizione? Il capo ...

In uscita a settembre PARADISO. IN VIAGGIO CON DANTE VERSO LE STELLE

Il Paradiso è una cantica bellissima che conduce Dante nel luogo in cui il desiderio di felicità e di s ...

PIRANDELLO IN CERCA D’AUTORE

SCHEDA DEL LIBRO Alla riscoperta di Pirandello al di là degli schemi, delle forzature, dei pregiudizi d ...

PARADISO: ANDATA E RITORNO. IN VIAGGIO CON DANTE

SCHEDA DEL LIBRO Qual è la cantica più bella? Come inoltrarsi nel nuovo linguaggio del Paradiso dantes ...

TRA I BANCHI DI SCUOLA

PREFAZIONE DI MARIA GLORIA RIVA Storie, volti e suggestioni. È l’ossatura di questo libro: entri pi ...

IL MATRIMONIO DI RENZO E LUCIA

«I giovani debbono leggerlo»: così si è espresso papa Francesco in una delle sue catechesi sul matrim ...

TRE GIORNI ALL’INFERNO. In viaggio con Dante

Quando concepì Dante la stesura della Commedia? Davvero gli ultimi tredici canti del Paradiso erano anda ...

IL PURGATORIO: RITORNO AL PARADISO PERDUTO

Davvero il Purgatorio è un’invenzione medievale, come sosteneva Le Goff? Quali testi letterari prima d ...

Che cos’è, dunque, la felicità, mio caro amico?

PREFAZIONE DI MONS. LUIGI NEGRI Carissimo Giovanni, ti ringrazio di avermi fatto leggere in antepri ...

LA BELLEZZA SALVERA’ IL MONDO

PREFAZIONE DI STEFANO ZECCHI E’ un libro coraggioso, che sa interrogare la tradizione e testimoniarl ...

Che cos’è mai l’uomo, perchè di lui ti ricordi?

«Questo libro di Giovanni Fighera entra nel vivo della crisi della modernità, e analizza i fondamenti c ...

Amor che move il sole e l’altre stelle

Non c’è, nella realtà, legge più forte dell’amore, come afferma Dante in uno dei versi più belli ...

Segui le trasmissioni su:
Radio Maria

Segui le trasmissioni su:
Radio Vaticana

Segui le trasmissioni su:
Radio 5.9

Ascolta:
Audio Book

ULTIMI ARTICOLI

Ultimi Appuntamenti

L’esame di Dante sulla fede giovedì 23 luglio ore 10 su radio Maria

NELLA PUNTATA DEL 23 LUGLIO 2020 delle ore 10 si parlerà dell'esame di Dante sulla fede dinanzi a san Pietro. Di che natura è la fede religiosa di cui Dante ha parlato così bene nel canto XXIV? Che relazione ha con la vita quotidiana? La utilizziamo quotidianamente o è relegata nell’àmbito religioso? La fede nell’àmbito religioso è analoga a quella relativa agli altri campi della vita, perché nasce dall’incontro con testimoni credibili. Così è accaduto agli apostoli che hanno incontrato Gesù; così è accaduto a loro volta a molti che hanno incontrato gli apostoli, testimoniando quanto visto e vissuto, disposti addirittura alla morte. Dagli apostoli la fede è stata trasmessa ai padri apostolici (che hanno conosciuto direttamente gli apostoli) e, poi, ad altri, di secolo in secolo fino ad arrivare a noi oggi. La fede nel campo religioso è della stessa natura di quella che applichiamo di continuo nella vita quotidiana, quando ce ne avvaliamo per conoscere. Ogni giorno noi conosciamo e diamo attestato di validità a molte informazioni che ci sono state fornite grazie al principio di fede, di fiducia, di credito attribuito a testimoni credibili. Nella quotidianità, nel rapporto con le persone, nella conoscenza più in generale non utilizziamo in primo luogo il metodo scientifico, ma ci avvaliamo della fiducia attribuita ad un testimone fidato. Quando parliamo con una persona, conferiamo un attestato di credibilità o meno al nostro interlocutore.

Ultima puntata di “L’IO, LA CRISI, LA SPERANZA” sabato 18 luglio ore 10

Ndll'ultima puntata di L'IO, LA CRISI, LA SPERANZA approfondiremo le ragioni della speranza per l'uomo e ci soffermeremo in particolare sulla missione culturale, dulla dimensione politica (in senso pieno e totale del termine) e caritatevole dell'agire umano. Appuntamento a sabato 18 luglio ore 10.

Sabato 4 luglio ore 10 su Radio 5.9 Ripartiamo dallo stupore e dall’affetto

Nella puntata di sabato 4 luglio alle ore 10 il prof. Giovanni Fighera approfondirà la speranza da cui ripartire nella crisi contemporanea. Dopo la prima tappa per la rinascita (il desiderio di pienezza e di felicità) si parlerà dello stupore di fronte alla realtà e dell'affettività (che conduce ad una resposabilità). Quando non c’è una presenza amorosa che lo abbracci e che gli voglia bene, l’uomo è incapace di affrontare la realtà, è preso dal dubbio e dalla paura, che può tramutarsi in angoscia. Perché l’uomo possa vivere con entusiasmo e con baldanza deve riconoscere una presenza buona che gli permetta di rialzarsi nonostante tutti gli errori che possa compiere.