altPochi giorni prima dell’esame di maturità sui siti internet iniziano a circolare indiscrezioni di fughe di notizia sulle tracce dei temi oppure vengono ventilate ipotesi sugli autori più probabili e sugli argomenti più probabili per lo scritto di italiano. È inutile ricordare che è davvero impossibile che avvengano fughe di notizie di questo genere, in questi anni non si sono mai verificate le previsioni del Tototema. 

Il meccanismo con cui sono scelte e selezionate le tracce rende pressoché impossibile la fuga di notizie. Aggiungiamo, poi, che nel caso in cui questa avvenisse sarebbero facilmente rintracciabili i responsabili. Anche la protezione informatica sulle tracce è tale che gli hackers non sono mai riusciti a violarla. Comunque, è bene dirlo, le tracce sono già state scelte da più di un mese. Ne ha dato notizia il ministro dell’Istruzione Giannini l’8 maggio.

Fatta questa premessa, è, però, doveroso ricordare che esistono delle linee di tendenza nelle scelte delle proposte per la prima prova. Ricordiamo a tutti che la riforma dell’esame di Stato entrata in vigore nell’anno scolastico 1998-1999 ha introdotto quattro tipologie di prova: la tipologia A o analisi di testo, la B ovvero lo svolgimento di un articolo o di un saggio breve a partire da materiale documentario a scelta tra quattro ambiti (artistico-letterario, storico-politico, socio-economico, tecnico-scientifico), la tipologia C ovvero il tema di Storia e la D (tema di attualità).

Commenta questo Articolo