Dante conclude la Commedia con uno dei versi più belli che siano mai stati scritti sull’amore: «Amor che move il sole e le altre stelle». Proprio da qui mutua il titolo l’ultima opera di Giovanni Fighera, che completa un’ideale trilogia con Che cos’è, dunque, la felicità, mio caro amico? e La bellezza salverà il mondo. Insegnante di Liceo, in questi anni Fighera ha incontrato nelle scuole, nei centri culturali e nelle parrocchie giovani e adulti, riproponendo temi e domande centrali per l’uomo.

 

Commenta questo Articolo