CAPITOLO I

GLI ANTICHI, L’AMORE E GLI DEI.

Ateniesi, vedo che, in tutto, siete molto religiosi. Passando infatti e osservando i vostri monumenti sacri, ho trovato anche un altare con l’iscrizione: «Al Dio ignoto». Ebbene colui che, senza conoscerlo, voi adorate, io ve lo annunzio5.

 

A morte il Crocefisso

In un futuro neanche troppo lontano verranno forse riscritti i libri di storia, verranno modificate le date di tutti gli eventi storici, togliendo il riferimento a prima e dopo Cristo. O, forse, questo non avverrà solo per una convenienza di studio e di ricerca: troppo faticoso sarebbe modificare tanti libri, tante date, tanti fatti già studiati e archiviati. Certo è che la sentenza della Corte europea del 3 novembre 20096 ci dà adito a pensare che i tempi per Cristo siano anche qui in Europa tempi di vera persecuzione. La Corte europea dei Diritti umani ha vietato l’esposizione del crocifisso nei luoghi pubblici e ha imposto all’Italia di adeguarsi alla sentenza entro tre mesi, altrimenti pagherà una multa salata. Che male ha fatto il crocifisso? Lede la libertà di religione e il diritto alla libertà di educazione! Di fronte a questa ignominiosa sentenza si è assistito ad un sollevamento di popolo7, ad una reazione generalizzata di fastidio nei confronti di chi vorrebbe far fuori il segno stesso dell’Occidente, l’unica risposta plausibile alla sofferenza e alla fatica umana, la sola consolazione reale, una Presenza costante nella vita personale e comunitaria, cioè Cristo stesso. Che senso di conforto mi dava l’altro giorno la presenza del crocefisso nella grigia camera di ospedale dove mia figlia era ricoverata da più di una settimana!

 

Commenta questo Articolo