altIl merito principale del film del regista Mario Martone su Leopardi, intitolato Il giovane favoloso, è quello di aver riproposto in maniera decisa la figura del Recanatese all’attenzione della società e della cultura contemporanea attraverso la settima arte, il cinema, che ha una diffusione e una popolarità oggigiorno pari a quella della musica e ben superiore, in media, a quella della letteratura.

            In effetti, già dal 2010 si è assistito ad una riscoperta del poeta, a partire dall’America, dove sono stati ristampati I canti tradotti in inglese moderno e qualche anno più tardi lo Zibaldone tradotto sempre in inglese odierno. Hanno così conosciuto un grande filosofo. Leopardi è stato apprezzato non più solo come sommo poeta, ma anche poeta e pensatore sopraffino. Fatto, questo, già noto a tutti quanti avessero letto qualcuna delle migliaia di pagine che costituiscono lo Zibaldone. In quel diario immenso, che rivela la profondità dell’animo di Leopardi, troviamo scritto: «Il vero poeta è anche filosofo, il vero filosofo è anche poeta». Leopardi è così sommo poeta e sommo filosofo.

            Altro merito di Martone è quello di aver raccontato Leopardi, senza stancare, senza annoiare, senza cadere in scene e situazioni che avrebbero potuto allontanare la maggior parte degli spettatori. Il cinema è un’arte bella, ma popolare, deve riscuotere il favore del pubblico, deve riempire le sale, altrimenti non circola.

            Il problema è, però, come sia possibile raccontare Leopardi, la sua vita e la sua opera in poco più di due ore. Quali scelte operare? Nelle scelte risiede già un giudizio, così come pure nei tagli di alcune opere e negli approfondimenti di altre.

            Martone ha optato per tre momenti della vita di Leopardi. Il primo è la giovinezza di un Leopardi ventenne a Recanati, insieme ai due compagni di infanzia, la sorella Paolina e il fratello Carlo, affrancato già da anni dai precettori e divenuto amico di Pietro Giordani che intuisce la sorprendente genialità del giovane poeta.

Commenta questo Articolo